LE TOP RIDER GEMELLE GEHRIG A FINALE, DOVE “TUTTO È PERFETTO”!

Photo Credit Kike Abelleira
Photo credit Kike Abelleira
A partire dalla somiglianza fisica sono diversi gli aspetti che accomunano Anita e Caro Gehrig, le gemelle svizzere rider professioniste di mountain bike che corrono per Norco Twins Racing Team. L’entusiasmo che trasmettono nel fare della loro passione un lavoro; il temperamento con cui affrontano una disciplina sportiva prettamente maschile; il sorriso e la solarità; la complicità di due sorelle abituate ad allenarsi “sempre insieme!”; la consapevolezza di due giovani donne, classe 1987, che partecipare alle competizioni internazionali di enduro in mtb significa anche poter viaggiare, conoscere nuove culture, visitare diversi paesi, oltre soprattutto a scoprire nuovi trail. Anita e Caro si trovano a Finale per qualche giorno “Flims (città svizzera dove abitano, ndr) è completamente in modalità invernale, quindi è complicato pedalare nelle nostre zone al momento, per questo motivo abbiamo scelto di venire a Finale per alcuni giorni di buon allenamento. Qui qui le condizioni per pedalare sono sempre buone, è vicina, a quattro ore di auto. C’è il mare, i trail sono perfetti, puoi pedalare tutto l’anno, ci sono gli shuttle…tutto è perfetto!”. Quando le incontro hanno appena finito di gustare l’immancabile gelato al termine di una giornata di riding nel comprensorio del finalese.
Qual è l’aspetto che vi piace più di Finale? Gelato a parte!
[Anita] “Le persone: da quando veniamo qui di frequente abbiamo conosciuto molte persone e sono tutti così amichevoli e disponibili. E poi le montagne ed il mare, è una combinazione perfetta. E comunque…gelato, gelato, bici! (elencando e ridendo)”.
[Caro] “Le persone qui sono di grande supporto. È bello tornare e vedere di nuovo gli stessi volti, che ritrovi a sostenerti lungo i trail, specialmente durante le gare EWS. Prima di avere l’EWS a Zermatt, in Svizzera, dicevamo sempre che Finale era fondamentalmente la nostra gara di casa EWS. La gara più vicina a casa, nel luogo in cui trascorriamo più tempo e conosciamo molte persone”.
Nel corso degli anni avete notato un’evoluzione in ambito mountain bike a Finale?
[Anita] “Sicuramente tutto è migliorato molto e ci piace così tanto. L’intero paese ruota attorno alla bicicletta: lo si può vedere dappertutto…e poi tanti nuovi sentieri ed ora anche quelli di Pietra Ligure. Eravamo lì stamattina, ci siamo divertite così tanto. È bello che ci possano essere percorsi con un diverso tipo di terreno. Molto divertente!
[Caro] “C’è una grande varietà di trail che rende il finalese un posto speciale. Trovi percorsi alpini, come nella zona Pietra e poi una vasta scelta di percorsi super tecnici, trail rocciosi e poi flow singletrails…quindi è bello!“.
Sul vostro sito ho letto “La mountain bike per noi non è solo gareggiare, è il nostro modo di vivere”. Come è iniziata questa passione? Nello stesso momento per entrambe?
[Anita] “Praticamente sì. Le ho persino regalato la prima mountain bike perché io avevo i soldi per comprarmi già una bici e lei no. Quindi, non c’erano storie, dovevamo fare questa cosa insieme. Così le ho comprato una bici ”(ride).
[Caro] “Ci divertiamo così tanto in mountain bike, con gli amici o a visitare posti nuovi. Per noi non contano solo le gare, anche se la gara rende il tutto più vivace”.
Anita, un pregio ed un difetto di Caro
[Anita] “Sa saltare meglio di me, o meglio non l’abilità nel saltare in se stessa, ma l’impegno che richiede un grande salto. Ogni volta che mi trovo davanti ad un grande salto per me è ‘ok, morirò o qualcosa del genere …’ per Caro invece è ‘ok, salterò’ mentre io aspetto e mi ripeto ‘ok, forse lo farò, forse più tardi…’ Caro è un po’, non lo so…è più coraggiosa. Il suo difetto è che è troppo
impaziente. A volte è come ad esempio fai gli addominali, Caro è…lei vuole fare le cose molto velocemente”.
Caro, un pregio ed un difetto di Anita
[Caro] “Anita è davvero una brava rider ed una migliore pilota, il modo in cui affronta ogni gara e la sua performance è sempre di alto livello. Un suo difetto è che devo sempre raccogliere in giro le sue cose, che lei dimentica da qualche parte!”.
Photo credit Like Abelleira
Photo credit Kike Abelleira
Quale sarà la vostra prima gara di enduro del 2020?
[Anita] “Per prima cosa gareggeremo al Winter Trophy qui in Liguria e poi iniziamo con la gara Enduro World Series in Colombia (EWS Manizales il 28 e 29 marzo, ndr). Ne siamo davvero entusiaste perché siamo già state lì e finora è stata la nostra migliore esperienza di viaggio. Perché è semplicemente un paese meraviglioso: gli animali, le piante…tutto lì è così diverso ed è molto bello poterlo ammirare, assolutamente. Quindi siamo felicissime di tornare”.
Avete rappresentato la Svizzera con il Team donne durante il Trophy of Nations (insieme a Carina Cappellari, ndr), lo scorso settembre qui a Finale Ligure. Com’è stato gareggiare n squadra?
[Anita] “È stata una bella esperienza perché priva della pressione dei risultati da rider individuale. Puoi dover lavorare come squadra e trarre il meglio dalla tua squadra, quindi è stata un’esperienza davvero interessante e abbiamo potuto condividerla con un’amica come membro del team, quindi ci siamo divertite ed è stato bello perché tutti i rider hanno apprezzato perché è stata un’esperienza diversa”.
[Caro] “È stato bello come Finale abbia partecipato con le Case delle Nazioni, la parata e tutto il resto…tutti così orgogliosi di ospitarci”
[Anita] “Per noi comunque sarebbe ancora bello raggiungere un titolo mondiale da rider individuale e non a team. Il Trophy of Nations resta comunque un format davvero interessante”.

About The Author

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: